CADENCE , Canada - oct. nov. dec. 2011 Umberto Petrin - A Dawn Will Come (Leo Records, 2011)

While Umberto Petrin, a veteran of the Italian Jazz scene, is perhaps a little closer to the solo piano tradition, he still deals in music that pushes at the boundaries. His credentials are impec­cable: pianist for the mighty Italian Instabile Orchestra, working with singer Tiziana Ghiglioni, and reed player Gianluigi Trovesi, as well as with American musi­cians like Cecil Taylor and Lee Konitz. He’s released a number of albums under his own name with a variety of ensembles including solo piano albums. A Dawn Will Come is a solo set that, while operating with a more traditional focus, (i.e., the piano, pure and unadorned), is imbued with Petrin’s customary lyrical bent mixed with brash dissonance and a complex harmonic pallette. While clearly conservatory trained, he is among the few that can incorpo­rate that base into an individual style that draws as much on Monk as well as the tradition of 20th century piano music. A Dawn Will Come features ten themes composed by Petrin, covering a wide territory. Each piece has its own focus and inspiration (half contain dedications) and each seems to navigate around the keyboard in a different way. “Mantra And Blue” has an initial sec­tion with a tremolo left hand and stately dense chords in the right. It builds up to a peak until it resolves into a lazy, bluesy second half. (To these ears it recalls a similar approach used by South African pianist Abdullah Ibrahim.) “Balkan Adventure” works with a demonic circu­itous line that contrasts with a rhythmic motive that draws the piece together. Certain pieces are abstractions, especially the two “Black Series” pieces based on paintings by Brice Marden. They convey Petrin’s love for the more “ephemeral” properties of his instrument like attack, decay and sonority. But with Petrin, these abstractions are never merely sonic explorations and he is able to convey the human quality behind his music even when dealing with abstraction. And it’s that human quality that is the strength of this solo set.
Robert Iannapollo (by freejazz-stef.blogspot.com/2011_05_01_archive.html)

Umberto Petrin - A Dawn Will Come (Leo Records, 2011)

Italian Umberto Petrin is of a totally different nature: he is a spectacular story-teller, creating drama and expectation with a few notes, then expanding on it, measuring pace and tempo to create suspense and climax. He is not as abstract as Riley, or as intimate as Sanchez, he is the man of the depth and universality, easily accessible, but so beautiful. Listen to his majestic "Mantra and Blue", starting heavy and intense, ending in a beautiful blues. His accessibility does not mean that he takes easy routes, quite to the contrary, themes are not always available, and the way forward while improvising remains full of anticipation and unexpected turns, sometimes coming to an emotional closure, but you can as easily be left hanging in mid-air. Intelligent beauty. (by freejazz-stef.blogspot.com/2011_05_01_archive.html)

JazzFlits nummer 159 – June 2011 UMBERTO PETRIN A Dawn Will Come Leo Records (www.leorecords.com)

VERVOLG CD-RECENSIES Zoals het persbericht van Leo Records meldt, maakte de Italiaanse pianist Umberto Petrin onlangs een trio-album voor ECM met Gianluigi Trovesi en Fulvio Maras. Ik ken die plaat niet, maar de associatie met Manfred Eichers label is begrijpelijk als we deze solo-cd ‘A Dawn Will Come’ horen. Petrin beschikt over een indrukwekkende virtuositeit, maar ook over de muzikaliteit om te weten hoe ver hij hiermee kan gaan. Want hij durft ook gaten te laten vallen, en varieert tussen verstilde, haast songachtige nummers en grillige, aan de klassieke pianoromantiek (Skrjabin, Rachmaninow) refererende uitspattingen. Juist die twee schijnbare uitersten leveren een boeiend album op, dat wat mij betreft met het ‘Round Midnight’-achtige ‘Mantra and Blue (for Joseph Beuys)’ een hoogtepunt kent. Het is trouwens niet het enige stuk dat aan een beeldend kunstenaar is opgedragen. Ook Brice Marden, Bill Viola en Marina Abramovic worden door Petrin geëerd. De laatste krijgt het opzwepende ‘Balkan Epic’ toebedeeld, een succesvol mengsel van Messiaen- en Balkan-ritmiek. En als toetje zet de Italiaan een goed te pruimen versie neer van een weinig gespeeld Monk-stuk: ‘San Francisco Holiday’ (ook wel bekend als ‘Worry Later’). Herman te Loo

A Dawn Will Come
Umberto Petrin | Leo Records - distr. IRD (2011)
di Pierpaolo Faggiano


Questo disco, registrato in completa solitudine presso la Casa della Musica di Genova, riflette il Petrin-pensiero. Forse è quando si è soli con il proprio strumento che si riesce ad essere più diretti, incisivi, chiari. Il linguaggio improvvisativo è per il pianista pavese la risultante di un pensiero estetico, di una serie di prospettive che risiedono nella frequentazione dell' Arte, nelle letture, nell'approfondimento del pensiero, nel modo di vivere e nelle manifestazioni delle passioni. Tutto si riflette in queste pagine, come di fronte ad uno specchio.

Che siano pennellate di colore (la prima e l'ultima traccia) o sontuosi affreschi (le due "Black Series"), Petrin costruisce un puzzle dal sound affascinante e intricato, una miscela libera e proteiforme in cui l'improvvisazione stessa diventa forma compositiva, hic et nunc, e collante tra cinema, pittura, poesia. La vis creativa di Petrin si nutre dei linguaggi più avanzati del Novecento, dei quali tiene viva l'urgenza febbrile e la tensione e ha il pregio di non farsi ingabbiare dalle maglie di Monk (che rimane comunque un'icona), da cui prende il tocco percussivo e martellante.

I temi evolvono in momenti di liberà espressività, è un musica che ha il Free (inteso nella sua interezza, come fenomeno musicale-sociale e politico) nelle corde senza mai perdere in controllo formale. Il disco non si stacca mai da una inquietudine quasi esistenziale e non si abbandona mai alla linearità fine a se stessa, che ti scivola addosso. Perchè questa è una musica che scuote, fa delle domande, si interroga sul mondo. E - per citare il titolo - aspetta che arrivi l'alba.

Sia detto senza piaggeria, un gran bel disco.

Journal d'écoute / Listening Diary
2011-04-14
by François Couture
UMBERTO PETRIN / A Dawn Will Come (Leo Records)
Le pianiste italien Umberto Petrin fait son entrée chez Leo Records avec un très bel album solo. Un jazz très créatif mais en même temps très jazz, une touche vive qui rappelle Monk, un vague à l’âme qui fait parfois penser à Howard Riley. La courte “Ostinatamente” en ouverture, on dirait le thème de Charlie Brown repensé par Borah Bergman. Chaudement recommandé. [Ci-dessous: Un extrait de l’album.
Italian pianist Umberto Petrin makes his debut on Leo Records with a very fine solo album. Very creative jazz that’s still deeply rooted in hazz, a lively touch reminiscent of Monk, a moody disposition that brings Howard Riley to mind. The short opener “Ostinatamente” sounds like the Theme from Charlie Brown rethought by Borah Bergman. Highly recommended. [Below: An excerpt from the album.]
http://www.leorecords.com/mp3/cd_lr_602.mp3

Umberto Petrin/Jean-Luc Cappozzo : LAW YEARS (Soul Note 2007) - April 2008 (CADENCE - Canada) The first thing to impress about is that way in which Petrin approaches Ornette. It's so difficult to bring a harmonically wideranging instrument like piano to a songbook which, like Ornette's, seems to pull against this kind of density in favor of pared-down clarity of line. But Petrin's transformations of "Law Years" (surely one of Ornette’s greatest, and possibly most underrated tunes) make for fitting bookends to this well wrought, and often quite dramatic recording (the pianist has long studied and performed Ornette's music, after all). The heart of the music, however, is in the interaction between Petrin’s somewhat expansive playing and Cappozzo's tight, almost furtive lines (the trumpeter is also capable of some flourishes, as with his mute work on Petrin's "Prayer"). The performances are dense, rapidly moving, and fluid, often morphing in tight spaces between jittery caffeination and expansive cooling. I really dig the long, careful attention to timbre in Cappozzo's grainy phrases on "Stella"—almost unrecognizable, thankfully. The abstracted "'Round About Midnight" unfolds similarly, with Cappozzo’s fairly straight reading contrasting vividly with Petrin's dark reharmonizations and his spidery lines, which squiggle out suddenly to the margins. They achieve a similar effect on Petrin's rich ballad "Darco Joe" and they manage to surprise with the delightful vocal cooing and moaning on the improvised piece. This is a top shelf duo record.

Umberto Petrin/Jean-Luc Cappozzo : LAW YEARS (Soul Note 2007) - April 6, 2008 by Jim Santella (All About Jazz - USA) Jean-Luc Cappozzo forges an exciting program of duets with pianist Umberto Petrin on Law Years that dances in and around free jazz. The two artists create playful interpretations of familiar pieces as well as fresh original works that bare their emotions. Filled with passion and primed for exploring, the duo pushes and pulls its way through musical conversation. While Petrin's overly active fingers pound the keyboard high and low for emphasis, Cappozzo's fluid trumpet and flugelhorn match with emotional cries that oftentimes alter the pitch intentionally. These blue escapades lend considerable warmth to the session. Then, there are the horn kisses and low growls that flirt with Petrin's prepared piano wanderings inside his instrument. Wide contrast exists between the thematic statements that they employ on pieces such as "'Round Midnight" and the more alien conversations on originals such as "Impro." Lyrical in places and eerie in others, the session features two powerful thinkers who knit jazz' tradition together with its future just to watch it grow.

Petrin - Cappozzo - LAW YEARS (Soul Note) Sono molti negli ultimi anni i duetti pianoforte-tromba che rivitalizzano una formula resa illustre dalle leggendarie coppie Morton-Oliver e Hines-Armstrong. [...] Bene: ancor prima di discuterne le specifiche qualità estetiche, bisogna dire che pochi di questi incontri si avvicinano all'intima "necessità" che emana da quello fra Petrin e Cappozzo. Fin dalle prime note è palpabile l'intesa fra i due e il desiderio di scavare nei brani traendone materia di riflessione, qualcosa con cui procedere ancor più nell'approfondimento. L'italiano ed il francese si completano a vicenda. Cappozzo si getta a capofitto nelle melodie, cercando il loro significato intimo; Petrin lo circonda con accenni, assensi, affondi, come un ostetrico del suono. L'alternanza di temi noti e originali permette all'ascoltatore di godere ogni giravolta di questo viaggio, aggrappandosi a una struttura memorabile quando tutto sembra perduto. C'è una divaricazione sonora, in quest'album, talmente ampia da sembrare troppo calcolata; ma in effetti è la vastità degli orizzonti cui entrambi guardano a richiederla. Claudio Sessa (Musica Jazz - dicembre 2007)

Particles Splasc(h) 2003 Questo nuovo lavoro del pianista pavese, di fatto solitario, fissa emblematicamente tutta una serie di sinergie con altre personalità allacciate da Petrin nel corso degli anni: anzitutto quella col poeta Stefano Benni, qui presente come dicitore di un suo intenso testo accompagnato a Misterioso; poi con lo stesso autore del brano citato (e di altri due), quel Thelonious Monk il cui songbook Petrin sta perlustrando con inventiva e originalità ormai da diversi anni; infine con Cecil Taylor, autentico guru del pianismo jazz di marca free conosciuto da Umberto in occasione della sua collaborazione con l’Italian Instabile Orchestra, circostanza in cui questi gli ha affidato una partitura ostica quanto affascinante (di cui questa dovrebbe essere la prima esecuzione ufficiale) che il nostro pianista sa rendere in maniera rispettosa quanto personale, amalgamandovi elementi squisitamente tayloriani (quella scultorea plasticità di tocco, quell’alternare note pesanti come macigni con liquide, abbacinanti sgocciolature, quel tendere a un canto celato quanto palpabile) con altri assolutamente propri (che in fondo risiedono essenzialmente nel suo essere europeo anziché afroamericano). Anche se il brano tayloriano, Particles, legittimerebbe da solo la necessità di procurarsi il disco, tutto quanto esso contiene è degno di nota. Accanto a Monk e Taylor, vi figura un poker di temi dello stesso Petrin (da cui estrarremmo almeno Campi di porpora per sempre e Boogie and empty space, per la loro alternanza – emblematica della poetica petriniana – fra concitazione e riflessione), Dewline di Steve Lacy, dall’incedere martellato, a tratti ostinato, e I’m steel here di Tom Waits. Un disco largamente consigliabile. Alberto Bazzurro http://www.lisolachenoncera.it/recensioni/petrin.htm Particles is not Umberto Petrin's blockbuster album, but it is filled with the sorts of delights that one has come to expect from this phenomenal artist. Thelonious Monk has always had a significant impact on Petrin's improvisations and compositions, and four tunes by Monk are exquisitely interpreted here by Petrin, who twists the melodies in so many directions that they resemble labyrinthine mazes that somehow retain their essential components. The pianist's eclecticism is evident, too, as he performs pieces by pop icon Tom Waits, Steve Lacy, and Cecil Taylor, the latter an obvious influence. Few have tackled Taylor's compositions in part because they are so difficult but just as importantly because they are so abstractly idiosyncratic and closely identified with Taylor. That Petrin acquits himself as well as he does is a testament to his technique and determination. His own pieces, the alternatively angular and introverted "Riflettendo," the alternatively joyous and introspective "Boogie and Empty Space," and the intense and dense "Oltre le Ventiquattro" reveal what Petrin's admirers already know, that here is one of Europe's great artists, a musician of singular accomplishment whose works can be spoken in the same breath as European contemporaries such as Franco d'Andrea and Michiel Braam. To the extent this album is flawed, it is in Petrin's occasional tendency to squeeze too many notes at once, something that he consciously avoids; but his concepts and command of the language of free jazz and hard bop, coupled with a fertile imagination, mark Petrin as one of the unheralded greats of his instrument, and just as importantly someone whose music is surprisingly accessible. Stefano Benni recites an original poem in Italian, with mixed results, on "Misterioso," the only track on which he appears. ~ Steven Loewy, All Music Guide http://www.artistdirect.com/store/artist/album/0,,2613041,,00.html

UMBERTO PETRIN
PARTICLES (Splasc(h) Records)
Un album di piano solo di Petrin è un'esperienza d'ascolto vertiginosa. Egli sa essere interno al mondo di Monk, Cecil Taylor e Steve Lacy scagliando ancora più avanti il loro linguaggio, secondo un personale costruttivismo «interpretante/ricreante visionario. Petrin - che è poeta ed appassionato cultore dell'arte contemporanea - ha una visione davvero ampia dell'orizzonte musicale e vi comprende i linguaggi euroafroamericani più avanzati del Novecento, mantenendone l'urgenza febbrile, la tensione. Pianista sublime sa alternare un tocco scintillante, percussivo e tagliente a fraseggi di una delicatezza evanescente, quasi vaporosa. Four in One , Dewline , Riflettendo sono brani eccellenti, come il Misterioso arricchito da una poesia monkiana composta e recitata da Stefano Benni. ( Luigi O nori , il Manifesto - Alias)

CD Title: Particles Year: 2003 - Record Label: Splasc(H) Records - Style: Straight-Ahead / Classic - Musicians: Umberto Petrin (Steinway piano), Stefano Benni (recitation on "Misterioso) Review: Pianist/composer Umberto Petrin is known for his affiliation with the revered Italian Instabile Orchestra, amid various solo projects and guest spots. On this solo release, the artist melds original compositions with works by Thelonious Monk, Steve Lacy and of course the title track which is a Cecil Taylor composition. No doubt, Petrin possesses acute rhythmical sensibilities, evidenced by his interesting reconstructions of Monk's Four in One, and Misterioso. Yet, with the latter, poet Stefano Benni recites verse atop Petrin's solo piano work, but if you don't understand Italian, it is all reduced to being rather inconsequential at best. One of the surprises here is Petrin's delicately fabricated balladry on singer Tom Wait's piece titled Steel Away. As this album highlights Petrin's multifarious craft where he interconnects high-octane stride motifs, with a heavy-handed attack, amid dashing arpeggios and more. In sum, this is a strong effort by one of Europe's preeminent modern jazz stylists.

Tracks: Four in One, Campi di porpora per sempre, Dewline, Off Minor/Coming On The Hudson/Criss Cross, Misterioso, Riflettendo, I'm Steel HEre, Boogie and Empty Space, Oltre le Ventiquattro, Particles Record Label Website: http://www.splaschrecords.com/ - Artist's Website: http://www.jazzos.com/ - Reviewed by: Glenn Astarita (Review found on www.jazzreview.com)

Ellissi Umberto Petrin - Tim Berne Most jazz musicians aren't always afforded the luxury of performing with pioneers such as saxophonists Steve Lacy, Lee Konitz, and trumpeter Enrico Rava among others too numerous to cite here. And with Umberto Petrin's new release titled, Ellissi the pianist/composer continues to align himself with laudable modern jazz talent as American saxophonist/composer Tim Berne along with drummer Roberto Dani and bassist Giovanni Maier combine forces for this most persuasive set consisting of Petrin original compositions. The proceedings commence with two pieces titled, Soggetti and SAMO featuring Petrin, Maier and Dani working within the piano trio format as the band artfully constructs then rapidly disintegrates richly melodic themes via call and response mechanisms. Petrin's well-stated block chords and unpretentious melodic intervals weave in and out amid Dani's superb yet understated polyrhythmic attack, while Maier provides the anchor here and throughout. Alto saxophonist Tim Berne joins the band on track three (...Continua) with an arrival that elicits imagery of a musician who perhaps arrived a little late for the gig as the saxophonist steers the band through lightning fast bop-ish unison choruses. Although Berne resides at the pinnacle of the modern jazz totem pole, this writer has not heard the saxophonist partake in much of anything that rings of mainstream or even free-bop in quite some time. Yet the band skirts the outside - on Forme Prossime featuring some truly dynamic and often stylish interplay between Petrin and Berne atop Maier's zealous lines and Dani's multifaceted attack. However, Petrin directs the band through some soulful, blues driven interludes on Tempi Molto Moderni as they emit an air of deception partly due to the pianist's shrewd tenacity and investigative approach. Ellissi is a fine outing and features enough twists, turns and hooks to maintain one's attention however, on the track titled, Visioni di Tristano n 1, Petrin performs against a backdrop of what is supposedly the sound made by one of Jean Tinguely's sculptures. Not sure what this is all about yet the so-called sound of a sculpture appears to be some sort of clanging noise. A bit distracting, yet only a minor complaint; otherwise, the band gets the job done in consummate fashion. Hence, a memorable outing that transcends traditional boundaries! Recommended. By Glenn Astarita http://www.allaboutjazz.com/reviews/r0800_043.htm

TRA SARDEGNA E JAZZ - S. ANNA ARRESI (29/8 - 5/9/2004) di Libero Farné Se nei concerti dei jazzisti nero-americani sono prevalsi gli aspetti di densità, compattezza dei collettivi, masse in evoluzione, sound stentoreo, nelle proposte bianche è intervenuta una più frastagliata e classica distinzione fra composizione e improvvisazione, accompagnamento e solismo, concitazione e leggerezza dinamica. Rimarchevole in tal senso la prova di Umberto Petrin e Tim Berne, che hanno ripreso una collaborazione iniziata nel 1999, quando il sassofonista americano fu chiamato ad integrare il gruppo del pianista in alcuni brani di Ellissi. Quello che ha colpito nel loro duo è stata la capacità di transitare con coerenza da una scrittura puntigliosa ad un'improvvisazione ben strutturata. Un linguaggio rigoroso che, pur nella pronuncia disegnata "a fil di ferro", ha saputo essere anche incantatoria e lirica. Con un paradosso solo apparente, nel loro linguaggio sono emersi anche riferimenti a maestri del free nero: il sax personale e inconfondibile di Berne ha talvolta rivelato inaspettatamente accenti braxtoniani, mentre Petrin, come recentemente fa spesso, non ha nascosto omaggi espliciti a Cecil Taylor. (AllaboutJazz)

08.12.2004: Umberto Petrin, Progetto Beuys. di ENZO BODDI Il lavoro consta di tre parti, direttamente collegate tra loro: piano solo, che prende le mosse da "Refractions" di Cecil Taylor ; piano e nastro magnetico, su cui sono incisi scarni frammenti elettronici; piano, nastro ed immagini tratte da "Diary of Seychelles". Il filmato amatoriale (ripreso nel 1980 da Lucrezia De Domizio Durini , amica e mecenate di Joseph Beuys ) ritrae l'artista tedesco impegnato nella piantagione di nuovi alberi, nell'ambito della sua iniziativa "La difesa della natura". Il confronto di Petrin con Taylor è sempre stimolante e "problematico", improntato com'è ad una dialettica tormentata tra l'essenza intimamente nera del linguaggio di approdo e la visuale europea del substrato culturale del pianista. Le deviazioni atonali, i grumi di suono, i clusters sono filtrati, sempre e comunque, dalla sensibilità di un musicista che nel suo retroterra individua punti di riferimento ben saldi: l'Impressionismo, l'Espressionismo viennese, il Novecento russo, perfino Stockhausen. Il fluire delle idee, scorrevole e addirittura torrenziale nel piano solo, diviene inevitabilmente più controllato nelle due sezioni successive, concentrandosi su cellule sonore ed aspetti timbrici, anche grazie all'uso della cordiera e di preparazioni misurate. "Noi piantiamo gli alberi e gli alberi piantano noi, poiché apparteniamo l'uno all'altro e dobbiamo esistere insieme" . In questa frase Beuys condensava un aspetto fondamentale della sua filosofia e della sua poetica. Conformemente a questo assunto Petrin (grande esperto d'arte) opera affinché il suono del piano e la forma musicale traggano linfa vitale dai supporti sonoro e visivo. Per dirla con il pianista pavese, "La musica è assimilabile alla scultura quando si modella in funzione del luogo e del momento dell'esecuzione. In tal modo può diventare idealmente irripetibile." Questa affermazione riassume in pieno la sua urgenza espressiva ed il suo sforzo costantemente proteso verso la ricerca di un equilibrio tra forma e contenuto. (Fonte: http://www.allaboutjazz.com/italy/articles/arti0105_005_it.htm)

DA JAZZITALIA.NET (di Paolo Carradori) Il pianoforte di Umberto Petrin partendo da Refractions di Cecil Taylor, come strumento di analisi, traccia ideologica, scandaglia nel profondo le tematiche dell'artista tedesco Joseph Beuys (1921-1986). Attraverso l'arte Beuys vuol ricreare un nuovo rapporto con il mondo, con il recupero della natura, ricostruire l'unità dell'uomo, ridargli energia e tensione. Un'arte capace con azione e parola (sculture sociali) di far entrare tutti gli elementi viventi in comunicazione tra loro. Nel progetto Beuys Voice Petrin, tra l'altro poeta e profondo conoscitore d'arte, riporta sulla tastiera le emozioni di un percorso improvvisativo che fissa, scolpisce, nei ritmi/energia, in trasparenti spazi sonori, una traccia forte, simbolica, un possibile legame antropologico con un uomo nuovo, libero. Non a caso il pianista prende le mosse da Taylor, alter ego, spazio di confronto dove mettere in gioco un ricco bagaglio culturale novecentesco e tracciare contemporaneamente dalle complesse architetture tayloriane un forte legame con la musica afroamericana. Con pregevole equilibrio tra rigore e libertà espressiva Petrin, forte di un tocco limpido quanto lontano da muffosi accademismi, con il contributo di nastri di nastri magnetici preparati e le immagini amatoriali e suggestive del video "Diary of Seychelles", offre di nuovo una prova di alto pianismo contemporaneo.

DA JAZZITALIA.NET (di Gianmichele Taormina) Ritornando agli italiani, grande impressione ha suscitato il duo formato dal pianista Umberto Petrin e dal sassofonista Tim Berne. Basato su di un proficuo reciproco "ascoltarsi", l'iterazione tra Berne e il nostro Petrin si è sviluppatta su parametri compositivi di alta levatura estetica. I temi, spesso introspettivi e lunari, seguivano diverse logiche espressive all'interno di una tessitura di trame che prediligeva l'esposizone iniziale all'unisono per poi svilupparsi dentro sentieri di un contrappuntismo colto e grondante di grande inventiva, ora fondato sul mistero dello scoprirsi, su inaspettati e repentini cambi di rotta, dopo, colorato dalla grinta urbana del sassofonista che ben si fondeva con l'elevato lirismo di Petrin dentro una solida euritmia di rara intensità emotiva.

DA Musicclub n170 02/07 (di Manuela Bua) Noi piantiamo gli alberi e gli alberi piantano noi. Con questa citazione di Joseph Beuys si apre il concerto performance dedicato dal compositore Umberto Petrin al grande artista concettuale e pensatore del XX secolo, autore dellarcinota opera 7000 Eichen, le settemila querce piantate attorno alla cittadina di Kassel, capitale tedesca dellarte contemporanea. Petrin fa fluire libera la sua musica, innestandola con le parole di Beuys, con le immagini ed i suoni, evocativi e lontani poich�perduti e deprivati del soffio vitale, dei video che hanno reso lartista tedesco famoso nel mondoalberi appena piantati alle Seychelles, mille creature senzienti colte nella loro misteriosa esistenza. Il pianoforte �un approdo naturale, una barca, un telaio, il corpo dellamata che il nostro compositore accarezza e lavora. Lesecuzione �eccezionale, al di l�di ogni scontato virtuosismo, ed ogni gesto �necessario a costruire lintreccio di un ritmo percussivo che sempre sottende una melodia di pianismo quasi romantico. E la lettura musicale di un universo fortemente simbolico; Petrin sceglie Beuys come suo maestro e guida per interpretare le forme di un rigoroso, vitale umanesimo. Lalbero �un segnale delle trasformazioni della societ� Eun segno che dimostra che la societ�deve essere elevata a un nuovo livello, anche secondo punti di vista organici, senza alcuna ideologia, e soprattutto al di l�del comunismo e del capitalismo. Dimostra cio�che da tutti i punti di vista dellattivit�umana si deve partire dalluomo quale potenza originaria per tutto quello che accadr�nella storia. Ma la potenza originaria delluomo non �solo nella sua carne, nelle sue ossa, nella sua fisiologia, ma �la sua creativit� il suo spirito, le sue capacit� il suo lavoro produttivo (Joseph Beuys). Umberto Petrin �soprattutto conosciuto per essere uno dei maggiori interpreti al mondo delle opere di Thelonius Monk e ci ricorda di un appuntamento che mi sento di consigliare a voi che mi leggete: lo spettacolo Misterioso, che il pianista interpreta assieme a Stefano Benni, che potremo gustarci a Grottammare (AP) l11 aprile prossimo al Teatro dellArancio. Lo spettacolo �inserito nella stagione Percorsi di scena, prodotta dalla Provincia di Ascoli Piceno e dallAssociazione Marchigiana Attivit�Teatrali.